La raccolta del grano saraceno

By PATRIZIA GIACHERO

Siamo arrivati ad ottobre e voglio raccontarti della  prima raccolta del mio grano saraceno.

Sono molto emozionata perché è la prima volta che tocco con mano il grano saraceno e, nonostante al primo esperimento il campo sia piccolo, non vedo l’ora di capire con cosa ho a che fare perché per me è tutto nuovo.

L’ estate è andata bene perché ci sono stati piovaschi sparsi che hanno dissetato le mie piantine e le erbacce nel campo non sono eccessive in quanto il grano saraceno è spuntato a tempo e ora.

Ma veniamo al racconto di questa giornata di fine settembre.

Vista la pendenza del terreno, ovviamente di mietitrebbia manco a parlarne così è venuto Enrico con una vecchia “taglia e lega” . Abbiamo  iniziato a raccogliere il grano saraceno domenica verso  mezzogiorno per dare il tempo alla rugiada di asciugare. Non è stato facile iniziare; lo stelo alto del grano saraceno inceppa molto spesso la lama falciante e devo seguire passo passo con un bastone la falciatrice per scostare i grovigli che si formano.

Siamo quindi andati a rilento, ma la giornata è stata veramente piacevole; c’era un bel sole di fine estate senza esse eccessivamente caldo.

Alla fine il campo era cosparso di piccoli fasci che ora lascio essiccare al sole ed all’aria. E anche questa è fatta!

error: Content is protected !!